Woman's Experiences

Ecco perchè diventare madre ti cambia la vita per sempre (2′ Atto)

13 febbraio 2017
diventare-madre-essere-mamma-love-amore-famiglia-bambini-neonati-just4mom

Lo abbiamo già detto (nella prima parte del post), diventare madre ti cambia la vita…

Tutto ciò che prima ti sembrava banale, che davi per scontato, potrebbe diventare un miraggio. A volte ti ricordi all’ora di cena di non aver fatto in tempo a bere nemmeno un bicchiere d’acqua, rimandi la doccia anche per un paio di giorni e ti addormenti la sera sperando di svegliarti come per magia alle Maldive…

Per cui………

Essere mamma è:
farsi una doccia in 3 minuti con neonato sulla sdraietta posizionata sulla tazza del water cantando ininterrottamente “ditemi amici di che colore era, vi ricordate di colore era, il cappello di cilindro di che colore era?”;
Essere mamma è:
– lavarsi finalmente i capelli dopo una settimana e farsi vomitare anche il latte dell’86 varcata la soglia del bagno;
Essere mamma è:
guardare i cartoni animati per farlo addormentare e ritrovarsi, dopo un’ora che dorme, incollata allo schermo per sapere come va a finire;
Essere mamma è:
– cucinare per loro pappe, pappette e pappettine bio, dop, km 0, tazzi e mazzi che Cracco te fa un baffo e ritrovarsi puntualmente a mangiare Sofficini Findus;
Essere mamma è:
– essere stanca morta, non vedere l’ora di metterlo a letto e invece ritrovarsi a fissarlo anche se è in coma da un’ora;
Essere mamma è:
– “basta è giunta l’ora che questo bambino vada all’asilo!” e piangere per tre ore quando ce lo porti;
Essere mamma è:
– “dai amore stasera usciamo, lasciamola con la tata”, tornare all’1, prendere sonno alle 3, perde il ciuccio alle 4, latte alle 5, sveglia alle 7 e “amore la prossima volta che ti propongo di uscire per favore chiudimi dentro a chiave!”;
Essere mamma è:
quando piove riparare con l’unico ombrello a disposizione cane, bambino, marito e la vecchietta del secondo piano, per ritornare a casa zuppa che con la tua giacca ci puoi irrigare il prato;
Essere mamma è:
– baby allora ascoltami bene devi dire “M A M M A”, capito? “M A M M A”, ripeti! “M A M M A”… alle 20 torna a casa tuo marito, tu sei in bagno a fare pipì e senti urlare a squarciagola  “P A P AAAAAAAAAA”;
Essere mamma è:
– “ma che bel bambino come si chiama??? “È femmina signora, è femmina, ha il passeggino rosa, il cappellino rosa, la giacca rosa, la fata turchina in mano, è femmina!”
Essere mamma è:
– arriva l’elettricista, il cane gli porta la pallina, il tipo non riesce a lavorare, gli tira la pallina, torna, pallina, torna, abbaia, pallina, baby piange come se volessi abbandonarla all’orfanotrofio e tu “scusi sa, la bambina questa notte ha dormito poco è un po’ stanca” = figura demmerda;
Essere mamma è:
– “ciao sono un amico di mamma, ma come sei bella, ti ricordi di me???” E tu “certooooo ma scherzi? Dai baby saluta..” e grida che allo stadio in confronto non vola una mosca = another one figura demmerda;
Essere mamma è:
– sognare per un anno intero una vacanza alle Maldive da sola con tuo marito, il sole, le palme, il campanellino per chiamare il cameriere direttamente dalla tua sdraio, il servizio in camera, niente sveglia e finire al Valtur Family in Basilicata a ballare la Macarena con tuo figlio che prima dell’1 non lo stendi nemmeno con uno Xanax.

I figli: gioie e dolori ❤😱❤

NON HAI ANCORA LETTO LA PRIMA PARTE DEL POST? CLICCA QUI’!

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply little fairy fashion 13 febbraio 2017 at 10:03

    Fantastico questo post….ma alla fine non farei cambio con nulla nonostante due figlie. Kiss
    Ti aspetto sul mio blog http://www.littlefairyfashion.com

    • Just4Mom
      Reply Just4Mom 16 febbraio 2017 at 10:17

      Grazie!!!!Vengo a visitarti di sicuro!

    Leave a Reply

    Come in tutto il Web, utilizzando il blog, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Ciao Mamma! Questo sito, come il resto dei siti presenti sul Web, utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Questa cosa è sempre esistita, ma UE vuole che te lo facciamo comunque presente. Continua a utilizzare questo blog senza modificare le impostazioni dei cookie o clicca su "Accetto" permettendo il loro utilizzo.

    Chiudi