Woman's Experiences

Spiegatemela poi questa storia della parità dei sessi!

29 agosto 2016
david-lachapelle-parita-dei-sessi-mamme-blogger-just4mom-mammeaspillo

Parità dei sessi? Si davvero? Nemmeno Barbie e Ken hanno gli stessi ruoli, diritti e responsabilità. Ken al massimo guida la macchina -che fra l’altro a quanto mi risulta è di Barbie – o la porta al ballo, ma per il resto, non mi pare conti poi più di tanto. Barbie invece, oltre a dover stare sempre attenta alla moda del momento (e stare sempre sul pezzo non è mica cosa da poco 😉) deve curare quella gran casa – di cui probabilmente paga ancora il mutuo -, i bambini e fare la cantante, la ballerina o la principessa per mantenersi. Insomma anche Barbie c’ha da lavorà 😉!
Ma non solo, pensiamo alle favole: Cenerentola, Biancaneve, la bella addormentata nel bosco e persino Ariel non sono altro che delle gran sfigate che per essere felici rischiano di farsi ammazzare dalla strega di turno. E invece gli uomini? Gli uomini sono sempre principi di nome o di fatto e gli va sempre di culo.
Quello che penso quindi è che almeno un tempo i ruoli erano chiari: il sistema prevedeva un uomo che si faceva i fatti suoi, però portava i soldi a casa e la donna, che si occupava unicamente dei figli, che quantomeno quei soldi se li spendeva come cavolo le pareva. Insomma, volente o nolente a ognuno il suo.
Ok è vero, ieri non c’era possibilità di scelta, ma oggi invece cosa c’è di così diverso? E sopratutto cosa di meglio? Parliamoci chiaramente oggi è tutta una fregatura perché, se almeno un tempo la donna si dedicava ad una cosa punto e basta, adesso invece alle 23.30 ancora puntini puntini puntini…..
E puntini puntini puntini oggi, domani e tutta la vita. Il punto lo mettono solo gli uomini con pizza e birra sul divano davanti alla champions mentre tu allatti, prepari la cena, passi l’aspirapolvere e cerchi di acquistare su Amazon un terzo braccio per finire quel lavoro al pc rimasto in sospeso e che chiaramente non ti farà dormire. Perché poi tu non dormi, anche se puoi non dormi. È proprio una questione di deformazione professionale. Girava su FB qualche giorno fa la frase “la prima notte che tuo figlio dorme per 6 ore di fila tu che fai ti riposi? Noooo, perché ti sei svegliata almeno 10 volte per controllare se respirava!”. Sì esatto siamo noi quelle la, quelle che col marito dormiente sul divano, dovremmo magari cominciare a prendere lezioni di Tango che, chi lo sa, magari ci becchiamo un Banderas senza gallina che ci faccia ringraziare di essere FEMMINE 😉
#paritadeisessiuncorno
#peaceandloveatuasorella
N.b. Leggete sempre i miei post in chiave ironica! È ovvio che non ritengo che la situazione delle donne fosse migliore nel Medioevo!

XOXO

L.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Come in tutto il Web, utilizzando il blog, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Ciao Mamma! Questo sito, come il resto dei siti presenti sul Web, utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Questa cosa è sempre esistita, ma UE vuole che te lo facciamo comunque presente. Continua a utilizzare questo blog senza modificare le impostazioni dei cookie o clicca su "Accetto" permettendo il loro utilizzo.

Chiudi