Lifestyle & News

Stop alle bocciature alle elementari e medie

2 settembre 2017

Meno preoccupazioni in vista per i nostri ragazzi, grazie alla nuova normativa che prevede una nuova disciplina per le bocciature alle elementari e medie.

Il decreto legislativo 62/2017 recita testualmente: “Le alunne e gli alunni della scuola primaria sono ammessi alla classe successiva e alla prima classe di scuola secondaria di primo grado anche in presenza di livelli di apprendimento parzialmente raggiunti o in via di prima acquisizione”.

La riforma Buona Scuola Renzi/Giannini prevede espressamente che alle elementari si potrà bocciare esclusivamente in caso di abbandono scolastico o per le troppe assenze. Gli alunni potranno essere bocciati solo nel caso in cui tutti gli insegnanti del consiglio di classe siano d’accordo e comunque “Solo in casi eccezionali e comprovati da specifica motivazione”. Basterà che un solo professore del consiglio non sia favorevole alla bocciatura per fare scattare la promozione ope legis.

Non basandosi la scelta su una mera questione di profitto, in tutti quei casi in cui la promozione scatterà d’ufficio, la scuola avrà l’obbligo di pensare a specifici corsi di recupero delle lacune.

Anche alla scuola media la bocciatura non sarà più contemplabile come un tempo e la promozione diventerà la regola generale. E così gli alunni della scuola secondaria di primo grado saranno automaticamente ammessi alla classe successiva e all’esame conclusivo del primo ciclo.

Diversamente dalle scuole elementari, alle medie si potrà ricorrere alla bocciatura nei casi di “parziale o mancata acquisizione dei livelli di apprendimento in una o più discipline” ove il consiglio di classe fornisca adeguata motivazione. In questi casi comunque la soluzione preferibile sarà la promozione che, se scatterà d’ufficio, porrà l’obbligo alla scuola di attivare percorsi di supporto e di recupero.

Inutile nascondere che il decreto Buona Scuola in questi giorni stia dividendo le famiglie italiane. Sicuramente la nostra scuola ha bisogno di riforme che ne migliorino il sistema alquanto obsoleto, ma non tutti sono d’accordo con la linea adottata (già in vigore in molti altri paesi dell’Unione e fra tutti la Francia) secondo i quali si fornirebbe una buona scusa per mandare avanti gli “asini”.

Fonte: La Repubblica – 30.08.2017 –

Laura

 

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply Fu nn 2 settembre 2017 at 11:44

    Alle elementari le bocciature possono essere disciplinari..forse più x i genitori ke dovrebbero prendersi la responsabilità dell’educazione.alle medie servono x responsabilizzare i ragazzi e prepararli al mondo esterno alla scuola.dove nn si è giustificati x le stupidaggini, perché si pagano…

    • Just4Mom
      Reply Just4Mom 13 ottobre 2017 at 11:07

      Secondo me, in tutta franchezza, bocciare alle medie per questioni di merito e quindi di profitto, dovrebbe essere diritto sacrosanto dei professori. Io ho frequentato il liceo classico ed alcuni miei compagni ancora faticavano con le “A con l’H e senza”, probabilmente queste nozioni se avessero ripetuto la terza media le avrebbero acquisite, poi chissà… questa è la mia personale esperienza comunque.
      Un abbraccio

    Leave a Reply

    Come in tutto il Web, utilizzando il blog, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Ciao Mamma! Questo sito, come il resto dei siti presenti sul Web, utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Questa cosa è sempre esistita, ma UE vuole che te lo facciamo comunque presente. Continua a utilizzare questo blog senza modificare le impostazioni dei cookie o clicca su "Accetto" permettendo il loro utilizzo.

    Chiudi