Esistono due categorie di uomini ed il più delle volte ce ne accorgiamo troppo tardi…

by Just4Mom

E’ solo quando diventi madre che capisci che al mondo esistono due categorie di uomini/compagni/papà.


Da un lato ci sono quelli che pensano che tu stia a casa con tuo figlio a rilassarti e non fare niente tutto il giorno.

E sono gli stessi che pretendono il pasto caldo la sera dopo il lavoro, di sentirsi sempre i più stanchi della coppia e che, se cambiano un pannolino, poi gli devi fare una statua in salone. Quelli che portano i soldi a casa e quindi “mi pare il minimo che tu stia con tuo figlio”. Quelli che dopo il parto, l’allattamento e tutti i tuoi cambiamenti non ti hanno mai chiesto

“Come stai, hai bisogno di me?”

Quelli che ti fanno venire le lacrime agli occhi e rabbia, tanta rabbia, perché proprio non capiscono cosa significhi diventare madre.

Diventare madre nella sua accezione più grande di tempeste ormonali, dolori fisici ed enormi dubbi psicologici. Nel sentirsi inadatta al ruolo quando non si sa cosa fare, nel guardarsi allo specchio e non ricordarsi di come si era prima, nel cercare in tutti i modi di ritornare ad essere una persona di senso compiuto, quella che ama i tacchi a spillo, cucinare una ricetta gourmet, andare in palestra, a lavoro e a fare shopping.

Poi ci sono quelli che il figlio lo avrebbero partorito al posto tuo.

Che avrebbero fatto di tutto per risparmiarti il dolore, che avevano una paura tremenda di perderti e che porteranno i segni delle ferite della tua esperienza con te. Quelli che tutti i giorni ti chiedono

 “Amore mio come stai?”

che tornano stanchi dal lavoro e non pensano al loro riposo, ma al tuo, perché sei tu la sua priorità. Quelli che provano ad alleggerirti la vita che nei primi mesi è davvero dura, le spalle dalla fatica e la testa dai pensieri. Quelli che il piatto caldo te lo preparano loro perché pensano che tu possa aver saltato il pranzo, quelli che quando varcano la soglia di casa gli brillano gli occhi e questa luce ti aiuta a sentirti a casa anche quando ti senti smarrita.

Un uomo non lo riconosci al primo appuntamento, quando ti apre la portiera della macchina, ti porta a cena o quando inaspettatamente ti chiede la mano in ginocchio nel più sacro rispetto delle tradizioni.
Un uomo lo conosci quando diventa padre. Quando il suo mondo cambia repentinamente insieme al tuo perdendo tutti i punti di riferimento.

E se il tuo uomo in quel preciso istante in cui tutto cambia diventerà il tuo vero ed unico punto di riferimento, ecco che nella vita non potrai desiderare nulla di più.

L.

Possono piacerti anche...

Lascia un Commento

Questo sito Web utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa.  Accetto Leggi Tutto