Browsing Category

Woman’s Experiences

Woman's Experiences

Sei proprio una mamma se…

26 settembre 2017

Sei proprio una mamma se:
– Calcoli l’età di tuo figlio in base ai mesi che non dormi;
– sogni di avere una tata fissa più o meno quanto al liceo hai sognato Dylan di Beverly Hills 90210;
– toglietemi tutto, ma non il Mio copri occhiaie;
– ripensi a tutte le cazzate che hai fatto nella vita e “no, mio figlio queste cose non le farà mai!”;
– acquisti online il cuocipappa con la stessa soddisfazione di una borsa di Prada;
– piangi come una scema per ogni cavolata davanti alla TV che se la beccavi prima, cambiavi canale;
– un attimo prima ti senti Mary Poppins e quello dopo Crudelia Demon;
– un raffreddore diventa un caso nazionale che “non ti sfrenare che se sudi ti ammazzo!”;
– davanti alle altre mamme “mi raccomando amore se ti picchiano, tu porgi l’altra guancia!”, e poi a casa “se te ne danno una, tu gliene devi dare due, hai capito?”;
– i figli degli altri a 1 anno ballano il tango, cantano in spagnolo e fanno pure il caffè, mentre tuo figlio al massimo ancora rotola gridando come un indiano;
– il suo bagnetto rigorosamente tutte le sere, mentre il tuo parrucchiere ha scritto a chi l’ha visto;
– lo addestri 6 mesi a dire “MAMMA” e quando parte a raffica rimpiangi di non avergli insegnato “PAPÀ”;
Sei proprio una mamma se ti senti stanca, troppo stanca e a tratti invidi gli amici che pensano ancora a dove andare a ballare il sabato sera, ma alla fine il tuo sabato sera non lo cambieresti con il loro nemmeno per tutto l’oro del mondo ❤️

Woman's Experiences

Son tutte belle le mamme del mondo #sticazzi

28 giugno 2017
mamme-blogger-just4mom

Scegli di partorire col cesareo, perché ti spaventi del parto naturale? Di partorire in casa e non in una struttura ospedaliera come nel medioevo? Sti cazzi!

Non ti senti di allattare perché ti fa male o ti fa star male? Sti cazzi!

Vuoi portare tuo figlio al nido a 3 mesi anche se non hai necessità lavorative? Sti cazzi!

Vuoi comprargli 3 vestiti in tutto o fargli il guardaroba del principe George? Sti cazzi!

Vuoi dargli gli omogeneizzati al posto che passare la giornata a fare pappe? Sti cazzi!

Vuoi andare dal parrucchiere, dall’estetista e in palestra e smollarlo ai nonni? Sti cazzi!

Vuoi andare a cena fuori tutte le settimane da sola con tuo marito e lasciarlo alla tata? Sti cazzi!

Vuoi tornare a lavorare dopo una settimana dal parto? Vuoi lasciare il lavoro per stare con lui? Sti cazzi!

Vuoi tenerti il sabato sera fisso per uscire con le amiche e lasciarlo al papà? Sti cazzi!

Vuoi educarlo col metodo montessoriano, steineriano, danese o di Mary Poppins? Sti cazzi!

Vuoi continuare a inseguire i tuoi sogni anche se sei diventata mamma? Sti cazzi!

Scusate la volgarità, ma sarà che per me le cose volgari sono altre, vorrei capire:

Chi decide che una madre sia migliore dell’altra? Pensate che siano queste le cose davvero importanti?
Mi scrivono mamme che attraversano periodi bui perché la nascita di un figlio sconvolge la vita e non tutti la affrontano allo stesso modo. C’è chi si sente in colpa perfino a respirare se non è in funzione del figlio. C’è chi si sente inadeguata in questo ruolo e sapete perché? Perché noi donne le facciamo sentire tali! Perché, fintanto che continueremo a giudicarci e puntarci il dito a vicenda convinte che il nostro modo sia quello giusto e quello delle altre sia sbagliato, saremo noi le responsabili.
Una madre che allatta 10 anni per me è uguale ad una che non si è sentita nemmeno di provarci.
Una mamma in carriera è uguale ad una disoccupata.
Non esiste una mamma migliore dell’altra, non esiste un metro, nè una misura all’amore che una mamma nutre per i propri figli.
E se mai esistesse non sarei di certo io a misurarlo. E neanche voi!
#solidarietafradonneperfavore
#sticazzi

Come in tutto il Web, utilizzando il blog, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Ciao Mamma! Questo sito, come il resto dei siti presenti sul Web, utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Questa cosa è sempre esistita, ma UE vuole che te lo facciamo comunque presente. Continua a utilizzare questo blog senza modificare le impostazioni dei cookie o clicca su "Accetto" permettendo il loro utilizzo.

Chiudi